Cristina Crespo giardino-notturno-della-marchesa-casati-150x150cristinacrespo-001-150x150cristinacrespo-005-150x150cristinacrespo-002-150x150cristinacrespo-003-150x150cristinacrespo-006-150x150centrale

Cristina Crespo Portrait

GIARDINI DELLA MEMORIA

Grottaglie (Ta), Castello Episcopio, nell’ambito della rassegna “MIRAGGI”,   un progetto di INTRAMOENIA EXTRA ART giunto alla V edizione.

Dal 3 luglio  al  6 ottobre 2010.

Il  sito di Grottaglie, una città nota per  la produzione di ceramica , legata alla tradizione ma proiettata nel futuro con la presenza nel territorio di industrie aerospaziali,  è stato ritenuto adatto ad allestire un “Giardino della Memoria”,  installazione che comprende una serie di vasi in ceramica a forma di ritratto, raffiguranti  artisti e  intellettuali, con all’interno le piante  più amate dai personaggi.

Come in una galleria ideale sfilano veri e propri miti, come Van Gogh e i suoi girasoli, accanto a riscoperte, poeti dimenticati come Lucio Piccolo, protagonista del “Vaso della Plumeria”, la scrittrice Dolores Prato (Vaso della Rosa Muscata), la Marchesa Casati,  quella vera,  DELLA Belle Epoque,  musa e mecenate dell’arte (Vaso dell’Orchidea d’oro).

Dei girasoli, quelli veri presi nei campi e un po’ sciupati, Van Gogh realizzò più versioni, così come di molti altri fiori tra cui i crisantemi e il pesco.  Il vaso di Lucio Piccolo contiene piante esotiche; il poeta visse con i fratelli in una specie di esilio volontario nella sua villa di Capo D’Orlando, nel messinese; la sorella era una botanica ed aveva trasformato il parco in un giardino lussureggiante.

La Marchesa Casati aveva dettato legge in fatto di gusto, sempre  all’avanguardia, a cavallo dei due secoli, spaziando da Boldini al Dadaismo, passando per i Futuristi. Tutto era artificiale nel suo mondo,  compresi i colori degli uccelli, li sceglieva albini per poterli poi tingere in tono con l’abbigliamento. Il suo vaso contiene piume nere e un’orchidea d’oro. Dolores Prato, autrice di un capolavoro, “Giù la piazza non c’è nessuno”, descrive dettagliatamente nel suo romanzo tutte le piante che incontrava da bambina in campagna, sui bordi della strada o al mercato; l’elenco è talmente meticoloso che ne è stato ricavato un “giardino letterario” rintracciabile su Internet.

Il ritratto della pittrice  Frida Kahlo contiene  al suo interno  le piante tipiche del Messico come il peperoncino, Tina Modotti, la celebre fotografa italiana vissuta anch’essa in Messico, contiene le calle, un soggetto protagonista di molti scatti e anche di molti  quadri di Diego Rivera, nei quali l’artista  posava come modella, abbracciata a mazzi di calle.

Lo scrittore e artista poliedrico Jean Cocteau è ricordato per il suo soggiorno a Roma, dove realizzò con Picasso il balletto d’avanguardia “Parade”. Cocteau, molto legato a sua madre, le spediva cartoline con incollati piccoli frammenti di piante italiane, come l’olivo. Il suo vaso contiene l’alloro, il viburno, e una sola rosa rossa,  simbolo della passione.

Un piccolo spazio è dedicato ai personaggi pugliesi, la scrittrice antropologa Rina Durante, che in una sua poesia,  “Luna Otrantina” ricorda la bellezza dell’oleandro, e Don Tonino Bello, autore di bellissimi scritti, in odore di beatificazione, fondatore di  “Pax Christi”, impegnato fino all’ultimo giorno di vita per la pace nei Balcani, contenente  tralci di olivo.

Tutte le opere sono pezzi unici, modellati e poi dipinti, realizzati a due o tre cotture.

ritratto-150x150www.cristinacrespo.org


Aktuelles

ausgewählte Kulturvorschläge

-Luther Oratorium von Daniel Pacitti -Wir sind Bettler- in der Philharmonie am 28. Juni 2017

- Ausstellung Flechtheim im Kolbe Museum und dananch
Rudol Belling im Hamburger Bahnhof

- Jan Toorop, Bröhan Museum, Berlin

- KINDL - zeitgenössisches Kulturzentrum

Archives

Visiteurs

Il y a 2 visiteurs en ligne

Besucher


LES PEINTURES ACRYLIQUES DE... |
ma passion la peinture |
Tom et Louisa |
Unblog.fr | Créer un blog | Annuaire | Signaler un abus | L'oiseau jongleur et les oi...
| les tableaux de marie
| création